Break Bulk – il carico in convenzionale

Break bulk.

Il mercato del trasporto, ed in particolare il settore dello shipping, è sempre più orientato al contenitore. La merce stessa viene progettata in modo tale che possa essere “containerizzata”.

I contenitori, a loro volta, si stanno evolvendo per seguire l’esigenze delle merci ed oltre ai dry van (BOX) e gli speciali (OPEN TOP, FLAT RACK) si stanno affermando nuove tipologie di equipment come l’OPEN TOP HC.

Anche la categoria dei REEFER (contenitori in temperatura) ha preso sempre più spazio poiché i settori alimentare e farmaceutico si sono indirizzati a questa tipologia di trasporto.

container

Ma esistono ancora merci che per misure o per peso non possono essere trasportate su container, oltre al carico “rotabile” (mezzi da cantiere su ruote, autovetture, cingolati, etc), più conveniente se trasportato da navi roro ( con rampa per imbarco e garage).

Si apre allora un mercato di nicchia :

il trasporto rotabile o in convenzionale (break bulk)nave

Generalizzando possiamo indicare due tipologie d’imbarco :
85863-200VERTICALE (LO/LO) : il carico viene agganciato da mezzi di sollevamento, che superata la murata nave posizionano la merce nelle stive della stessa: pensate l’imbarco di casse, bobine, fasci, macchinari o anche carico sfuso, come il grano.
ORIZZONTALE (RO/RO) : il carico viene “guidato” attraverso la rampa della nave sia che sia semovente (autovetture, trattori, etc) o debba essere agganciato, come i trailers o i MAFIS. I mafis sono un particolare equipment (si tratta di piattaforme su ruote) sopra cui il carico in break bulk viene rizzato e messo in sicurezza ( lashing and securing).truck1

Esistono navi particolarmente versatili che hanno la possibilità di caricare sia in stiva che attraverso la rampa (RO/LO).

Il nolo marittimo per questi tipi d’imbarco viene calcolato in peso/misura (w/m) per la merce in convenzionale ed a metro lineare per il carico rotabile (roro).

Ci sono armatori che offrono servizi di linea, non molti in realtà, e altri che a seconda della posizione della nave si propongono per carichi completi o parziali : siamo nel mondo del Project e del Chartering, una parte dello shipping tanto affascinante quanto complessa, soprattutto nel caso del Chartering che ha regole e linguaggio propri (provare per credere…).

A seguito della crisi dei noli ed il “gigantismo” della navi alcuni Global Carriers si sono messi ad offrire soluzioni break bulk appoggiando il carico in convenzionale sopra una base di flat rack e se necessario si occupano di organizzare per i mezzi di sollevamento sia per imbarco che allo sbarco includendoli, naturalmente, nella quotazione del nolo mare.

Si potrebbe discutere se sia giusto che Compagnie di Navigazione specializzate nel trasporto container si mettano ad offrire soluzioni convenzionali e sono sicuro che raccoglierei diverse scuole di pensiero sull’argomento.

Anche gli Spedizionieri, frustrati dalle marginalità dei contenitori, si sono orientati verso il Project ed break bulk dove i guadagni sono maggiori (ma è più facile sbagliare).

Personalmente se dovessi organizzare il trasporto di un pezzo in convenzionale di alto valore mi affiderei ad esperti in materia e mi assicurerei che la merce venga movimentata da trasportatori, terminals e navi che siano soliti farlo, a dispetto di “sirene” allettanti che offrono noli vantaggiosi e soluzioni facili.

Diffidate in questo campo di chi vi propone di prendere in carico la vostra merce senza farvi domande tecniche circa la sovrapponibilità, i punti di sollevamento,etc, non vi chieda dei disegni tecnici o non vi parli di rese del nolo

Se pensi che quest’articolo ti sia servito e ti è piaciuto ti ringrazio per condividerlo e commentarlo.

About Luca Giordano 30 Articles
apprendista blogger...

Be the first to comment

Rispondi